Connubio

RagunanzaStampa

 

 

 

Sulle orme di Cristina di Svezia. I Ragunanza poetica.

Reading di Poesia, , Villa Pamphilj, 28 Aprile 2013

 

 

 

 

 

Connubio

Ti offrii vino rosso vermiglio,
invasi di bacche odorose il cammino,
turgide zolle ad accogliere semi
che mai tradirono speranze e attese.

Ti portai su cime frondose
e di irti sentieri ti indicai la via,
accoglievo i tuoi passi
e mi stendevo sotto i tuoi sguardi.

Ti mostrai il mare e le gocce
dei fiumi trascinai per te
accomodandole a valle
tra olmi e lecci e pini.

Maceravo odori e
presentavo primizie scartando
il vecchio ogni risorgere
del tempo che volgeva.

Hai bruciato il mio fieno
le foglie hai stracciato
i rami e le radici
di brama furiosa.
Hai storto i fiumi e
tagliato cime e fronde
e le zolle hai martoriato
e divelto i semi.

Mille lame e chiodi,
acciaio, cemento e catrame
mi cospargi e annichilisci
il mio sguardo.

Ti offrii la vita e
tu mi dai morte.

Ciro Pinto